Subito dopo il pasto e in proporzione al contenuto calorico complessivo, si verifica una risposta infiammatoria aspecifica, di basso grado, orchestrata dall’Insulina.

Tale condizione, raggiunge il picco massimo nella fase assorbitiva, post-prandiale, per poi ridursi gradualmente, in circa 2/3 ore, quando i nutrienti sono stati distribuiti, metabolizzati e/o accumulati nelle rispettive sedi cellulari.

Nei soggetti in sovrappeso, obesità e malattie dismetaboliche, il riscontro clinico che si ha, è una condizione di infiammazione cronica.

Oltre alla potente capacità infiammatoria rappresentata dagli zuccheri (semplici e complessi), anche alcuni grassi saturi (miristico e palmitico), possono amplificare la risposta infiammatoria legandosi ai recettori TLR (Toll Like Receptor) degli adipociti, macrofagi e cellule epatiche inducendole a rilasciare citochine proinfiammatorie.

Se l’infiammazione, non diviene fenomeno occasionale ma stabilizzato in forma cronica (a causa di costante assunzione di cibo) insieme a numerosi altri effetti sfavorevoli, si sviluppa la resistenza periferica all’insulina e l’intolleranza al glucosio (inibizione della cascata chinasica Pi3k-AKT all’interno delle cellule adipose e muscolari, inibendo la risalita in superficie dei recettori per il glucosio GLUT4)

La MANCANZA di attività fisica, tra i tanti effetti lesivi, ha anche quello di potenziare l’infiammazione, grazie ad una lenta riduzione dell’ossigenazione dei tessuti e conseguente  attivazione del fattore di trascrizione inducibile HIF il quale andrà a trascrivere le informazioni per il fattore di crescita dell’endotelio (VEGDF) che a sua volta indurrà le cellule dell’epitelio vascolare ( endotelio) a rilasciare citochine proinfiammatorie per attivare l’angiogenesi (formazione di nuovi vasi capillari); è uno dei meccanismi della formazione aterosclerotica.

In conclusione, ancora una volta il cibo la fa da padrona, essendo un insieme di migliaia di molecole in grado di attivare/disattivare un’infinità di meccanismi cellulari utili alla vita o al contrario dannosi alla salute.

Pertanto la madre di tutte le PREVENZIONI e di tutte le TERAPIE rimane, prioritariamente, la corretta nutrizione, un approccio che può forgiare, giorno dopo giorno , la salute o al contrario predisporre tutte le condizioni per lo sviluppo della malattia.

 

Andrea Nascimben

 


Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti
Proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso di tali cookie. Leggi le nostre Cookies Policy e Privacy Policy